Programma Nazionale di Ricerche in Antartide

PNRA

In viaggio verso l'Antartide

Leggi di più

Alla scoperta della base Concordia

Antartide

Come è organizzata una base antartica? Cosa fanno e come vivono le persone che trascorrono un anno della loro vita al polo sud? In questo video andremo alla scoperta di Concordia, la base italo-francese situata in mezzo al plateau antartico in uno dei posti più freddi del pianeta.

Leggi di più

Colonia di Pinguino Imperatore

Il pinguino Imperatore specie endemica dell'Antartide

Gli imperatori sono i più grandi tra tutti i pinguini: in media, uno di questi uccelli è alto 115 centimetri. Questi animali incapaci di volare vivono sui ghiacci dell’Antartide e nelle gelide acque circostanti. Per fronteggiare le rigide condizioni ambientali, in cui il freddo combinato con il vento gelido può raggiungere i –60° C, i pinguini hanno sviluppato una serie di adattamenti fisiologici e di comportamenti solidali.

Leggi di più

30 anni del PNRA

Video celebrativo dei 30 anni del PNRA

Leggi di più

expand_more

Stazione Mario Zucchelli

La Stazione Mario Zucchelli (74°42’ S, 164°07’ E) è situata ad una quota di 15 m sul Mare di Ross, nell'area denominata Baia Terra Nova. Aperta da metà ottobre alla prima metà di febbraio (estate australe; Fuso Orario: + 12 ore; Temperature di stagione: da -10°C a +5°C; Pericoli: il vento catabatico che sopraggiunge improvviso e può soffiare oltre i 100 km/ora.

Stazione Concordia

La Stazione italo-francese CONCORDIA è situata nel sito di Dome C (75°06’ S, 123°21’ E). Costruita sul plateau antartico a 3.233 m di altitudine, dista sia dalla Stazione Mario Zucchelli che dalla stazione francese Dumont d’Urville oltre 1000 km. È aperta tutto l’anno.

Nave Laura Bassi

La Laura Bassi è oggi l’unica nave italiana in grado di operare in mari polari, sia in Antartide sia in Artico. Una rompighiaccio, conforme alle nuove regole internazionali per l’accesso alle aree polari (il cosiddetto ‘Polar Code’), riesce ad accedere a zone coperte da ghiaccio marino, che in passato non erano raggiungibili da navi italiane.

News

Rientro dalla campagna invernale 2020-2021

Sabato 13 Novembre alle ore 14:34 ( Dome C time) è partito un aereo con rotta verso la Base costiera di MZS con a bordo i primi invernati che hanno concluso la loro attività presso la stazione scientifica di Concordia.

Marco Buttu, Simone Marcolin e David Tosolin concludono oggi la loro attività presso la nostra base per iniziare un lungo viaggio che li porterà, dopo più di un anno passato in isolamento, verso la civiltà e in un mondo che purtroppo a causa della pandemia è anche cambiato.

A loro va il nostro ringraziamento per il lavoro svolto ed il nostro migliore augurio di buona fortuna.

La redazione PNRA

Leggi di più...

Apertura Concordia

Il 2 Novembre si è concluso ufficialmente il 17simo winterover presso la stazione Concordia con l’arrivo del primo gruppo composto da 18 tecnici italiani e francesi facente parte del personale estivo. Il gruppo è arrivato presso la stazione italiana di Mario Zucchelli ed è stato immediatamente trasferito a Concordia con un basler, insieme a frutta e verdura che il personale invernante non poteva gustare da orami 9 mesi. A breve giungeranno in stazione anche il personale scientifico e la nuova squadra di invernanti DC18 che si affiancherà ai colleghi per un efficace passaggio di consegne.

Leggi di più...

Alberto Della Rovere è Cavaliere dell’Ordine "Al Merito della Repubblica Italiana"

Un riconoscimento all'impegno del personale che lavora per il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide

Alberto della Rovere, dell’Unità Tecnica Antartide ENEA, è stato nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, per il prezioso contributo nelle attività di pianificazione e organizzazione delle spedizioni in Antartide del Programma Nazionale per le Ricerche (PNRA). 

Leggi di più...

Apertura Base MZS

È partito per l’Antartide il primo contingente italiano formato da personale tecnico e scientifico che ha aperto la base Mario Zucchelli, dando il via ufficialmente alla 37° spedizione di ricerca italiana in Antartide. La Campagna estiva 2021-22 durerà 4 mesi con la partecipazione di 220 tra tecnici e ricercatori, impegnati in oltre 50 progetti di ricerca presso le stazioni Mario Zucchelli e Concordia, sulla nave oceanografica Laura Bassi e presso alcune basi straniere.

Oggi 25 ottobre 2021 è partito il primo volo con il personale scientifico alla volta della stazione Mario Zucchelli.

Leggi di più...

Progetti ora in Antartide

  • Monitoraggio di parametri nanoclimatici in comunità criptoendolitiche antartiche

    Obiettivi:
    Caratterizzare la diversità microbica dell’ambiente terrestre antartico e l’effetto su di essa dei principali parametri ambientali

    Coordinatore Scientifico:
    Laura Zucconi, Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche, Università della Tuscia, 
    Viterbo ⎯ in attività presso la Stazione Mario Zucchelli

    Leggi di più
  • Antarctic Marine and Freshwater Eukaryotic Biodiversity as a promising source of bioactive substances

    Acronym:
    AMFEB;
    Project: PNRA18_00077.
    Coordinator:
    Prof. Picchietti Simona, Department for Innovation in Biological, Agro-food and Forest systems (DIBAF), University of Tuscia ,Viterbo (Italy)
    University of Tuscia.
    Participating Institutions:
    University of Tuscia, University of Camerino, University of Trieste, National Research Council of Italy.
    Area:

    Leggi di più
  • MicroBiomA-S LA DIVERSITÀ DEI MICRORGANISMI DEL SUOLO E DELLE LORO BIOMOLECOLE NELLA TERRA VITTORIA

    Project: PNRA18_00015.

    Coordinatore Scientifico:
    Prof. Solveig Tosi, Dip. di Scienze della Terra e dell’Ambiente, Università degli Studi di Pavia

    Leggi di più
  • Studio dell’atmosfera solare dal plateau antartico

    Acronym
    ESCAPE (2015/AC3.02)

    Coordinatore:
    Silvano Fineschi Affiliazione: INAF - National Institute for Astrophysics

    Leggi di più
  • Monitoraggio delle specie chiave del Livello Trofico Intermedio dell’ecosistema pelagico nell'Area Marina Protetta del Mare di Ross

    Coordinatore:
    Ing. Iole Leonori, CNR IRBIM di Ancona

    Partner progetto:
    Università Parthenope di Napoli/UNIVPM

    Leggi di più

Il PNRA

Programma Nazionale di Ricerche in Antartide

Dal 1985 Il programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA) ha il compito di promuovere e supportare la ricerca nazionale in Antartide, garantendo il mantenimento di adeguate infrastrutture per la ricerca (in Antartide e in Italia) e il finanziamento di attivita' selezionate attraverso bandi competitivi. L'attuale governance del PNRA, che e' un programma nazionale in carico al Ministero della Istruzione, Universtia' e ricerca Scientifica (MIUR) vede impegnati con diversi ruoli e diversi compiti il Consiglio nazionale delle ricerche (CNR), l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA); e una Commissione scientifica nazionale per l’Antartide (CSNA) insediata preso il Ministero.

MUR

Il MUR approva il Pnra e vigila sulla sua attuazione, nel rispetto delle norme previste dal Trattato sull’Antartide.

CSNA

La CSNA, nominata dal ministro, ha il compito di indirizzo strategico. Propone un piano pluriennale, valuta le proposte di progetto, elabora la relazione annuale.

CNR

Il CNR attraverso il Dipartimento Scienze del Sistema Terra e Tecnologie per l'Ambiente, assicura il coordinamento scientifico delle attività e provvede alla diffusione dei risultati e alla gestione dei dati scientifici

ENEA

All'ENEA sono affidate l’attuazione delle spedizioni, la responsabilità dell’organizzazione nelle zone operative e la gestione delle infrastrutture.

I numeri del PNRA

laptop
Progetti di ricerca
più di 1000
flag
Spedizioni
37
people
Ricercatori
più di 2000
place
Basi scientifiche
3

Servizi

Rendicontazione Progetti di Ricerca PNRA

La programmazione e la conseguente rendicontazione delle attività di ricerca del PNRA sono affidate al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) con il Decreto del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca di concerto con il Ministero per lo Sviluppo Economico del 30/09/2010 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 03/02/2011).

Italian Antarctic Data Center

Il National Antarctic Data Center (NADC) è l'infrastruttura digitale progettata per raccogliere, gestire, pubblicare e fornire accesso alla grande quantità di dati scientifici raccolti dai numerosi progetti nell'ambito del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA). l'infrastruttura, basata sull’applicativo GeoNework open source, fornisce un unico sistema integrato che consente agli utenti finali di esplorare i vari data set e attraverso questi accedere e condividere i dati ovunque siano archiviati